Habemus recensionem! #5

by Giulia

urlo-homerPrime recensioni per Un gioco di pazienza: Un racconto giallo nella Cina misteriosa di inizio ‘900. Cinque su Amazon e una su Goodread:

Recensioni su Amazon

Dopo il vietnamita, mi hai portato in Cina e, devo dire, che nel cambio ci ho guadagnato, perché ho trovato un racconto gradevole che potrebbe diventare un gran bel libro. Secondo il mio parere, ovviamente, perché in quelle poche pagine ho avuto la sensazione di un paese colonizzato e diviso tra potenze straniere, tra intrighi e ragion di stato, e chissà cosa saresti capace di regalarci solo se…
Comunque, i miei sinceri complimenti, i tuoi racconti continuano a piacermi.

Ho scaricato questo testo per leggerlo sul kindle. Racconto breve ambientato nella Cina di inizio ‘900 subito dopo la rivolta dei Boxers in cui si mescolano un classico giallo e una spy story in maniera, secondo me, efficace portando alla ribalta il protagonista, il tenente Luigi Bianchi, militare italiano con l’hobby dell’investigazione. Ottima lettura anche se breve.
Permettetemi di scrivere qualcosa sull’uso del Kindle: Ormai da anni scarico quasi esclusivamente sui miei dispositivi libri in formato digitale per la loro estrema praticità e semplicità di trasporto. In questa maniera porto sempre con me una intera biblioteca, pur rimanendo diverso il possedere e sfogliare un libro stampato.

L’autrice prende spunto dalla figura del bisnonno per dare vita a un militare italiano stanziato in Cina nei primi anni del ‘900. Il veloce racconto, introduttivo a una possibile serie, dà modo al lettore di conoscere il tenente Luigi Bianchi e di familiarizzare con l’ambiente coloniale dell’estremo oriente. Aggiungendo allo scenario un omicidio, un paio di ragazzi cinesi utilizzati come capro espiatorio e un funzionario giapponese (“un uomo letale, ma con me era sempre stato leale”), il mystery si trasforma in spy story mentre la storia scorre sullo sfondo.
Shanmei, in poche pagine, riesce a riversare l’affascinazione per la Cina di quel periodo storico nel racconto e a farla respirare al lettore.

Racconto breve ambientanto nella Cina coloniale. Piacevole lettura, scorre in fretta, peccato che sia così breve, avrei voluto saperne di più sul personaggio principale. Ambientazione molto originale e affascinante, spero in un seguito o in un romanzo.
Lo consiglio.

Ambientazione squisita per appassionati dell’estremo oriente e non. Scrittura frizzante e personaggi ben delineati nonostante la brevità del racconto, indice di una buona maestria dell’autrice. Troppo breve per giudicare più approfonditamente ma lascio 5 stelle per l’ottimo lavoro svolto e per spronare l’autrice a scriverne ancora.

Recensioni su Goodread

Il racconto è veramente intrigante per chi ama la storia: l’ambientazione nella Cina dei Boxer è molto dettagliata ed i personaggi assai intriganti. Non vi sono azioni fulminanti come nei racconti precedenti dell’autrice ma lo spirito del giallo e il “profumo” della Cina di inizio secolo ci sono eccome. Speriamo che questo sia il primo di una serie di racconti con la stessa ambientazione e lo stesso personaggio.

Advertisements